Certificazione Norma UNI 11010 - Servizi residenziali e diurni per persone con disabilità

Certificazione Norma UNI 11010 - Servizi residenziali e diurni per persone con disabilitàLa Norma UNI 11010 rappresenta un “modello di cura” per le realtà che erogano servizi socio assistenziali in regime residenziale; essa pone alla base l’Utente e lavora per progetti e per obiettivi orientati ai risultati. La Norma si applica ai servizi sociali, educativi, assistenziali, socio-riabilitativi, sia di tipo residenziale che di tipo diurno, entra nel merito di quelli che sono i fattori qualificanti di tali servizi, quali:






  • Requisiti del servizio, requisiti generali relativi alla struttura e alla sua capacità di integrarsi e cooperare con il territorio;
  • Mission;
  • Informazione verso l’esterno (utente, familiare, servizi sociali, ecc.);
  • Requisiti per la fase di ammissione e di presa in carico;
  • Requisiti per la definizione e gestione del progetto individualizzato;
  • Requisiti per la fase di trattamento;
  • Requisiti per la fase di dimissione;
  • Caratteristiche generali dell’ente erogatore;
  • Requisiti per il personale;
  • Requisiti per la progettazione di servizi innovativi.

La certificazione riferita alla Norma UNI 11010 è uno strumento rivolto alle realtà che erogano servizi socio assistenziali rivolti a persone con disabilità in regime residenziale e diurno. Tale certificazione non rappresenta di per sé un fine, ma un mezzo per confermare tale capacità al mercato, in modo imparziale ed oggettivo, favorendo la creazione della fiducia ed offrendo agli utenti possibilità di scelta consapevole.

I vantaggi:

  • Dimostrare il rispetto di requisiti obbligatori;
  • Aumentare la fiducia del proprio cliente/utente;
  • Garantire comunicazione e trasparenza della qualità del servizio, che, grazie all’attività di verifica di terza parte, acquisisce credibilità e soprattutto si pone a garanzia della coerenza tra enunciati ed operato;
  • Maggiore capacità di adempiere ai requisiti di legge;
  • Possibilità di entrare nei mercati esteri con una garanzia oggettiva di qualità dell’organizzazione;
  • Aumento delle possibilità di aggiudicarsi le gare d’appalto nazionali ed internazionali;
  • Maggiori possibilità di acquisire Clienti;
  • Miglioramento dell’Immagine aziendale;
  • Monitoraggio e abbattimento dei costi.

Le fasi principali dell'iter di certificazione comprendono:

  • Definizione dello scopo di certificazione;
  • Pre-Audit (facoltativo): Gap Analysis e diagnosi della situazione corrente a fronte dello standard. L’obiettivo è valutare la conformità dei processi ai requisiti del Sistema di Gestione Qualità. Le fasi principali della Gap Analysis comprendono:
    • Definizione dello scopo;
    • Audit;
    • Report di non conformità e opportunità di miglioramento;
  • Audit di certificazione;
  • Rilascio del certificato, a validità triennale;
  • Audit di sorveglianza al fine di verificare il mantenimento della conformità ai requisiti dello standard e il miglioramento continuo;
  • Validità della certificazione triennale, al termine del periodo di validità la certificazione può essere rinnovata secondo l’iter precedentemente descritto.